Le vecchie camicie del nonno diventano portabiancheria per l’asilo



   Ci sono delle cose nella vita che una sa di voler riuscire a fare. Alcune sono cose importanti, altre molto meno, ma si tratta comunque di piccole soddisfazioni personali. Per me era importante preparare dei sacchetti per il nido al piccolo, come quelli che la mia mamma fece a me, e che uso ancora per viaggiare.
   Ho approfittato di una vacanza a casa, e ho convinto la nonna ad aiutarmi. Quante cose in un progetto così semplice, per una completamente digiuna di cucito! Finalmente ho imparato ad andare dritta con la macchina per cucire (basta guardare dove entra la stoffa, e non fissare l’ago!), e un paio di punti di ricamo, quello a erba e quello a catenella. Ci ho messo un po’, ma sono davvero contenta.


   Allora, la spiegazione è semplice: recuperate delle vecchie camicie, per essere sicure di tagliarle dritte basta fare un taglietto e poi strapparle: troppo semplice per esser vero! Procuratevi due parti di stoffa dimensioni uguali.


   La cosa più semplice per fare l’entrata del cordino è stirare la stoffa così come dovrebbe essere cucita; poi fissate i bordi (quelli dove entra il cordino per capirci) per 1-1,5 cm. Cucite le buste (eccetto che nella parte alta dove passerà il cordino), e poi fissate la stoffa in modo che non ci scucia passando l’ago della macchina per cucire con il punto a zig-zag proprio sul bordo della stoffa. Chiudete infine la stoffa in alto in modo che possa scorrerci il cordino. I sacchetti possono poi essere decorati ricamando il nome a mano, oppure qualche altro soggetto: prima tracciate il nome con una matita da stoffa, poi lo seguite ricamando... ci vuol meno tempo di quel che sembra!


   Come potete vedere, nel sacchetto a quadretti l’apertura del cordino è stata fatta mantenendo la chiusura del polsino, cosa che semplifica un po’ il lavoro e garantisce un ottimo risultato. Quello che invece non mi è piaciuto di questa camicia è stata la fantasia della stoffa che si è rivelata davvero troppo scura per farci segni con una matita; per questo mi ci è voluto un sacco di tempo, ricamare “al buio” non è per niente facile. Più semplice il sacchetto a righine, dove abbiamo scelto di fare un bordo stondato che mi piace davvero molto.
   Si tratta di un progetto semplice ed ecologico: tutto quello che vi serve di nuovo è un poco di filo da ricamo e del cordino che – stranamente – si trova più facilmente dal ferramenta che in merceria. Potete creare delle buste anche per voi per viaggiare; sono comode non solo per la biancheria, ma anche per le scarpe. Spero di avervi ispirato!

Labels: , ,