E se facessimo un paio di trottole? (guest post di Quando fuori piove)



   A me di Giada piace la leggerezza. Ha il tocco leggero e fantasioso di una fatina che trasforma oggetti di tutti i giorni in divertimenti per i più piccoli. Lo confesso, il più delle volte leggo i suoi post, su Quando fuori piove, e mi mangio le mani, da quanto son semplici le idee che propone… è così: voi vedete un cucchiaio, un pancake, un tubo di cartone. Arriva lei e …puff: ecco una catapulta, un centrino e un puzzle rotante! Una volta ho definito una sua idea ‘idiotamente geniale’ (Giada, stai ancora ridendo?!), ma forse avrei potuto usare anche un ‘magicamente banale’: la magia era già lì, bastava poco – appena il tocco giusto… insomma, vi ho incuriosito? Bando alle ciance, guardate che ha combinato anche questa volta e ditemi se non ho ragione!

   Mi sento decisamente a mio agio qui, tra i post di Silvia, a farmi ospitare in occasione della seconda edizione della sua geniale “Raccolta di riciclo creativo per bambini”. 
Mi sento come a cena dalle amiche con cui si condividono passioni e fissazioni in libertà: non mi preoccupo di presentarmi con i jeans strappati e un po' macchiati di colore nel risvolto, o i capelli in disordine, ma mi metto comoda sul divano e inizio a chiacchierare: "Sai cosa ho fatto ieri per il nanetto?"



Fare le trottole riciclando i tappi delle bottiglie è un'idea semplice, che ho visto spesso in Rete, ma che, chissà perché, non avevo mai provato. È sicuramente un giochino da rivalutare, pronto in pochi minuti e perfetto da sfoderare durante una cena fra amici per intrattenere i piccoli invitati.
Ecco l'occorrente:



Si afferra un tappo e si pratica un buchino nel centro. Secondo la mia esperienza il metodo migliore è scaldare la punta di una forbicina e usarla per fare un buco della larghezza dello stuzzicadenti.

Questa è un'operazione cui i bimbi piccoli non possono ovviamente partecipare, ma a loro è già stato affidato un compito: la decorazione dei tappi.


Abbiamo finito! Non resta infatti che infilare lo stuzzicadenti nel buchino e aprire le danze!


Silvia, facciamo il caffè?

      …per come sto messa, anche due! Grazie mille Giada, e torna pure quando vuoi, è sempre un piacere averti qui!

E anche questo progetto entra in archivio, ovviamente! ...e i vostri progetti, ci sono già?


Labels: , ,