Spatole per dipingere con i cartoni del latte (guest post de I Pasticci di Dani)

“Dani, non solo tu devi assolutamente partecipare, tu sei l’anello di congiunzione!” …e sì, perché Daniela, de I Pasticci di Dani, è la persona perfetta per legare il tema di questi mesi, il fare arte con i bambini, con il riciclo creativo! Daniela è un’artista poliedrica, che non si ferma di fronte a nessun tipo di materiale. Con quasi niente tira fuori cose fantastiche, mescola materiali e stili, è un vulcano d’idee… e allora, dai, continuiamo a fare arte, e facciamo arte riciclando!
Ho conosciuto Daniela proprio l’anno scorso grazie a questa raccolta: è arrivata con dei bellissimi e semplicissimi fiori "a macchia" da disegnare sulla carta di giornale, i timbri ritagliati dalle scatole delle uova, le maschere con la forma delle dita… e anche quest’anno è riuscita a stupirmi con un’idea davvero originale e stimolante, nonostante le mie altissime aspettative.
Guardate un po’ che ha combinato!

Quando Silvia mi ha invitato a scrivere un post per il suo blog - in occasione della seconda edizione della bellissima “Raccolta di riciclo creativo per bambini” - ho pensato che sarebbe stato interessante proporre qualcosa che si collegasse strettamente alle sue attività con i bambini e che servisse a prolungare i momenti di creatività con i piccoli.

Non è stato facile individuare qualcosa che corrispondesse all’idea, ma ciò che vi propongo è, viceversa, di semplicissima esecuzione!

Materiale occorrente: contenitori in tetrapak, colla vinilica, pennello per stendere la colla, forbici.
Lavare, aprire i contenitori e tagliarli seguendo le pieghe esistenti…



…piegare in due nel senso della lunghezza o della larghezza…

 
…stendere la colla, chiudere e lasciare riposare per qualche ora sotto una bella pila di libri, quindi sagomare con le forbici il lato della piega.

 
Le spatole così ottenute sono perfette e abbastanza resistenti per creare texture sul colore a tempera bagnato:


...a seconda della spatola e del tipo di pittura usata...


...si hanno tracce e segni diversi...


...e anche con l’acquarello si possono creare prati d’erba...


...onde del mare...

 
...ombre nella nebbia.


Il colore rimasto sulla spatola è perfetto per lasciare tracce su un foglio nuovo.


Ma il divertimento più grande...


...lo si ha con i colori materici...


...che la nostra Mammabook ha tante volte suggerito nei suoi post.

   Solo una piccola idea la mia, da proporre ai bambini quando l’interesse per il colore e l’attività che stanno sperimentando comincia a diminuire, nella speranza di una riaccensione di interesse per loro e qualche minuto in più di tranquillità per voi!

   Daniela, grazie di cuore per aver accettato il mio invito!
Anche questa attività entra in raccolta... e voi avete già dato un'occhiata ai progetti che si sono già aggiunti?!


Labels: , , , , ,